Sdrive (out)

il blog di Claudio Nobis

Richiami per Lexus e Chevrolet Cruze: sui difetti l’America non fa sconti

La Lexus RX 350 sotto richiamo in Usa

Ancora “richiami” in America per due modelli Lexus, la RX 350 e la RX450H del 2010, e tutte le Chevrolet Cruze prodotte dal settembre dello stesso anno nella fabbrica di Lordstown (Ohio-Usa). Negli Stati Uniti sicurezza e tutela del consumatore sono una religione assoluta ma è una delle poche cose che l’Europa non ha mai importato se non in forma blanda basata sul “volontariato” delle Case e non sotto un controllo di legge. Negli Usa, invece, i “recall”, invito per interventi tecnici da parte dei costruttori ai possessori di modelli di cui si sono accertati difetti di fabbrica, sono obbligatori e controllati dalla NHTSA, l’Ente di Stato per la sicurezza stradale il cui presidente è nominato direttamente dalla Casa Bianca. Due pesi e due misure dunque malgrado la globalizzazione: un modello può essere pericoloso in America ma non in Europa dove in genere un incidente avviene sempre per colpa degli automobilisti e la “class action” non è neppure immaginabile. Gli ultimi due casi in questione riguardano 154.800 Lexus (fra i due modelli) i cui proprietari riceveranno la chiamata il prossimo agosto e 413.418 Chevrolet Cruze. Per le Lexus si tratta ancora di una “coda” del gigantesco “recall” imposto a Toyota dopo i tragici incidenti emersi nel 2009 causati dal blocco dell’acceleratore. Fu un vero disastro di immagine a causa degli incidenti mortali che ne derivarono e nel settembre di quell’anno Toyota richiamò circa 4 milioni di autoper modificare il pavimento delle auto nella zona dell’acceleratore, negando che si trattasse di un problema elettronico. Il dubbio

La versione SW della Chevrolet Cruze

rimase a lungo ma due anni dopo il Dipartimento dei Trasporti Usa accettò la versione della casa giapponese che ora interverrà ancora sulla modifica dei tappetini e del pavimento.
Nel caso di Chevrolet, invece, dopo aver superato la delicata questione dell’esplosione di alcune batterie della Volt (l’elettrica extended range), per curiosa coincidenza il richiamo di mezzo milione di Cruze è avvenuto in stretta coincidenza con il lancio in Europa della versione SW. La Cruze è stata nel 2011 l’auto più venduta in America dalla marca del gruppo GM e questa volta si tratta ancora di rischio di incendio nel vano motore segnalato dalla NHTSA. La General Motors ha comunicato che si tratta di un intervento di circa 30 minuti che inizierà in questi giorni e riguarda solo clienti americani, canadesi e israeliani. 

 

Claudio Nobis

view all post
Leave a comment

Please be polite. We appreciate that.

By Daniele Zedda • 18 February

← PREV POST

By Daniele Zedda • 18 February

NEXT POST → 34
Share on